Una ripresa sempre all’insegna del mal di testa…a volte mi capita, anche se per pochi secondi, di rimpiangere i tempi lontani in cui produrre era l’unico imperativo…la mente era libera di scorazzare ovunque e una volta timbrato il cartellino, il lavoro non esisteva piu… certo se penso alle soddisfazioni, zero assoluto… E ora? Quanto sono soddisfatta? Ma poi sarà leggittima questa domanda se non ripercorrendo una strada in salita che negli anni mi ha offerto qualche sosta quà e là dove tirare il fiato?  Non è tanto la soddisfazione in sé la cosa piu importante, ma notare col senno di poi quanto nella vita non esista causa senza effetto…e se la causa è l’impegno a prescindere da tutto, prima o poi l’effetto della salita arriva perché anche il cambiamento in positivo inplica fatica e chiede coraggio nel continuare ad affrontarla con lo giusto spirito… questo è il famoso senno di poi… e dunque inutile ora rispondere a quella domanda, meglio invece dimenticarla e continuare ad avanzare sfidandomi a fare sempre del mio meglio… in fondo mi viene il sospetto che tribolare non mi dispiaccia …

A chi mi chiedeva di tornare rispondo che il tempo dedicato ai miei pensieri, alle mie riflessioni, si è ristretto notevolmente facendo posto ad una quotidianità carica di altre cose da brigare e da sbrigare… e anche la mente chiede pietà …

Annunci