ti lascio i brividi di novembre

la malinconia di una stanza

ti lascio un posacenere sporco

una tazza di caffè non finita

ti lascio stanca perché già so

ti lascio senza lacrime perché già il cielo piange

ti lascio le domande senza risposte

e questo chiodo che finalmente si è conficcato

ti lascio questo vento freddo che spettina

l’aureola sciupata, un cuore che sanguina

ti lascio con il fiato corto

ti lascio un silenzio triste

ti lascio il grigiore di un cielo anonimo

ti lascio in pace prima che sia guerra

 

ti lascio e abbraccio le lenzuola

ti lascio e mi abbraccio

ti amo e mi ferisco

ti amo e ti lascio

 

ti lascio tutto  il tempo di sognare

ti lascio la brama di libertà

ti lascio i più bei paesaggi

ti lascio la sete folle di vivere

tutti questi piccoli niente che stordiscono

ti lascio l’incanto di un sorriso

ti lascio gli occhi di un amante irresistibile

e il tuo calore al mattino

ti lascio il desiderio di una stanza ridipinta di fresco

ti lascio le parole su questa pagina

ti lascio tutto quello che hai e non sai

ti lascio in pace prima che sia guerra

 

ti lascio e abbraccio le lenzuola

ti lascio e mi abbraccio

ti amo e mi ferisco

ti amo e ti lascio