Lei sognava ampi spazi
Universi senza confini
Distese verdi a perdita d’occhio
 
Lei sognava un’isola sospesa
Luminosa nel cielo nudo
Come un miraggio intravisto
 
Lei sognava un profumo
Una promessa mossa dal vento
Che la cullasse nel sonno
 
Lei sognava un’isola sospesa
Adagiata sulle nuvole
Così fragili, così ingenue
 
Lei sognava bisbigli di sentimenti puri
Acqua cristallina lungo i fianchi
Carezza che disseta l’anima
 
Lei sognava un’isola sospesa
Dalle coste inesplorate
Terra vergine da seminare senza inganni
 
Lei sognava sentieri senza fine
Alberi secolari alla cui ombra riposare
Fiori da annusare sulle labbra
 
Lei sognava l’amore
Sorgente tra le mani
Vita da donare
 
Lei sognava di abbracciare il sole
 

 

"sogno nostalgico" di Eleonora Sollazzo